Navigation

Iran: società svedese cosmetici accusata attività sovversive

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 agosto 2010 - 10:05
(Keystone-ATS)

TEHERAN - Il ministro dell'Intelligence iraniano, Heydar Moslehi, ha accusato ieri la società svedese di cosmetici Oriflame di voler attentare alla sicurezza dell'Iran. Lo ha riferito la tv di Stato.
"Oriflame - ha dichiarato il ministro - intendeva combattere il sistema (iraniano). La società non ha alcuno scopo economico". "Secondo le prove in nostro possesso - ha aggiunto - gli arroganti servizi segreti (stranieri) hanno cercato di creare problemi di sicurezza al Paese tramite questa azienda". Domenica scorsa, le autorità iraniane avevano chiuso gli uffici a Teheran di Oriflame e arrestato cinque suoi impiegati.
A Stoccolma, il direttore finanziario della compagnia, Gabriel Bennet, ha negato che la compagnia sia implicata in attività politiche: "Siamo una società di cosmetici, vendiamo direttamente i nostri prodotti", ha detto all'Afp.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.