Navigation

Iran convoca ambasciatore svizzero dopo minacce Trump

Secondo Abbas Araghchi le parole di Trump ricordano i metodi dei mongoli e delle milizie terroristiche islamiche. Keystone/APA/HANS PUNZ sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 05 gennaio 2020 - 14:24
(Keystone-ATS)

Il vice ministro degli esteri iraniano Abbas Araghchi ha convocato l'ambasciatore svizzero a Teheran in seguito alle minacce del presidente degli Stati Uniti Donald Trump contro siti culturali iraniani.

"Le dichiarazioni ostili e minacciose del presidente americano sono assolutamente inaccettabili e violano leggi internazionali", ha dichiarato oggi Araghchi al diplomatico.

Secondo il vice ministro degli esteri le parole di Trump ricordano i metodi dei mongoli - che nel XIII secolo avevano conquistato Baghdad e distrutto massicciamente beni culturali - e delle milizie terroristiche islamiche - negli ultimi anni l'Isis ha distrutto monumenti di valore inestimabile in Siria e Iraq - e sono un chiaro segno di crimini di guerra.

L'Iran non si lascerà però intimorire da simili minacce e replicherà rigorosamente a ogni aggressione degli Usa, ha aggiunto Araghchi citato dall'agenzia Isna.

Come noto, la Svizzera rappresenta gli interessi degli Stati Uniti in Iran in assenza di relazioni diplomatiche tra i due paesi da quarant'anni. Già nei giorni scorsi il ministero degli esteri di Teheran aveva convocato diplomatici elvetici.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.