Navigation

Iran libera il veterano Usa arrestato nel 2018

White era stato condannato per aver insultato l'ayatollah Khamenei. KEYSTONE/AP sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 giugno 2020 - 18:38
(Keystone-ATS)

Michael White, un veterano della marina militare Usa arrestato nel 2018 in Iran, è stato liberato da Teheran dopo 683 giorni di carcere. Lo ha reso noto la madre in un comunicato.

La liberazione avviene all'indomani del ritorno in Iran di uno scienziato di Teheran, Sirous Asgari, rilasciato dalle autorità statunitensi dopo tre anni di detenzione con l'accusa di spionaggio.

White era stato condannato a marzo 2019 a dieci anni di detenzione per aver insultato la Guida suprema Ali Khamenei e diffuso sue foto personali sui social. Lo scorso marzo era stato rilasciato per ragioni mediche e umanitarie, ma a condizione di non lasciare il Paese. Era pertanto stato confinato nell'ambasciata svizzera di Teheran, dato che Berna rappresenta gli interessi americani in Iran.

White è già in viaggio di ritorno verso gli Stati Uniti, proprio a bordo di un aereo svizzero, ha twittato il presidente americano Donald Trump. Il tycoon ha anche ringraziato la Confederazione per il suo "grande aiuto". Contattato da Keystone-ATS, il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha spiegato di non poter commentare la vicenda.

Per quasi due anni, White è stato nelle mani delle Guardie Rivoluzionarie di Teheran. La conferma della liberazione è arrivata anche dal governatore del New Mexico, lo Stato di residenza dell'ex militare.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.