Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BAGHDAD - Ventitre persone condannate per terrorismo sono scappate dalla prigione di Ghazlani, a Mossul. Lo riferiscono fonti di polizia precisando che tra i fuggiaschi ci sono militanti di Al Qaida e altri criminali di "alto profilo".
I prigionieri sono fuggiti attraverso un foro che avevano scavato nel muro. La fuga è avvenuta di mattina, ma le guardie carcerarie se ne sono accorte soltanto nel pomeriggio. Subito sono stati allertati polizia e militari ai checkpoint della città.
Le carceri di Mossul, roccaforte di Al Qaida a 390 chilometri a nord di Baghdad, sono state violate più di una volta. Nel dicembre del 2006, il nipote di Saddam Hussein riuscì a scappare proprio dal carcere di Ghazlani dopo essere stato accusato di aver finanziato l'insurrezione sunnita contro le forze americane. Sempre nel 2006, decine di militanti guidati da Al Qaida fecero irruzione nella prigione di Badush e liberarono 140 carcerati.

SDA-ATS