Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Almeno 70 ostaggi curdi sono stati liberati nel blitz condotto nel nord dell'Iraq da forze speciali statunitensi con i militari iracheni, secondo quanto riferisce un funzionario del Pentagono alla CBS.

Il raid, scrive il New York Times (Nyt), è stato lanciato in una prigione gestita dai jihadisti del sedicente Stato islamico (IS) vicino alla città di Hawija.

I funzionari americani non hanno voluto fornire ulteriori dettagli sulla missione segreta, ma fonti irachene hanno detto al Nyt che l'operazione ha coinvolto elicotteri Usa, forze speciali curde e irachene, e che sono stati lanciati anche attacchi aerei.

Lo scopo era quello di uccidere, o catturare, militanti del sedicente Stato islamico (IS) e di liberare gli ostaggi curdi. Nell'operazione sarebbe morto un soldato americano anche se manca ancora la conferma ufficiale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS