La Giordania ha accettato la richiesta della famiglia di Tarek Aziz di seppellire sul proprio suolo l'ex ministro degli Esteri iracheno morto venerdì scorso in prigione per un attacco cardiaco, dopo 12 anni di reclusione.

Lo ha reso noto un funzionario del governo di Amman sotto anonimato, perché la decisione non è stata formalizzata.

La famiglia di Aziz si era trasferita in Giordania dopo la caduta del regime di Saddam Hussein, nel 2003, quando l'allora ministro iracheno, fedelissimo del rais, venne arrestato dagli americani, dopo il loro arrivo a Baghdad.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.