Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente turco Erdogan promette sanzioni nei confronti dei curdi.

KEYSTONE/AP/EBRAHIM NOROOZI

(sda-ats)

Turchia, Iran e Iraq adotteranno una strategia congiunta per sanzionare il governo della regione autonoma del Kurdistan iracheno per il referendum sull'indipendenza, approvato con un plebiscito il mese scorso. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

All'indomani dell'incontro a Teheran con il suo omologo iraniano Hassan Rohani, il leader di Ankara è tornato a ipotizzate un embargo alle esportazioni petrolifere - vitali per l'economia di Erbil - oltre alla chiusura totale dello spazio aereo e al blocco dei valichi di frontiera.

"Non permetteremo che la sicurezza della nostra regione e del nostro Paese venga messa a rischio solo perché qualcuno vuole realizzare il suo sogno d'infanzia", ha aggiunto Erdogan, riferendosi al leader curdo-iracheno Massud Barzani.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS