Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le forze d'élite dell'esercito iracheno hanno ripreso oggi il controllo della città di Suleiman Beg, nel nord del Paese, non lontana da Amirli, che ieri era stata liberata dall'assedio dei jihadisti dello Stato islamico (IS). Lo ha detto il portavoce del comando anti-terrorismo, Sabah al-Numan, aggiungendo che 23 jihadisti ceceni sono stati uccisi nei combattimenti.

Suleiman Beg, circa 180 chilometri a nord di Baghdad, nella provincia di Salahuddin, era caduta 11 settimane fa nelle mani dell'IS.

Intanto il portavoce del comando delle forze armate, generale Kassim Atta, ha detto che continuano attorno ad Amirli i combattimenti tra le truppe lealiste e miliziani dello Stato islamico ancora asserragliati in alcuni villaggi.

Intanto il primo ministro iracheno uscente, Nuri al-Maliki, è arrivato oggi proprio ad Amirli, dove ha incontrato alcuni responsabili delle forze di sicurezza. Lo riferisce l'agenzia irachena Nina, aggiungendo che Maliki "ha incitato i combattenti ad Amirli a liberare ora Mosul", la seconda città del Paese, caduta nel giugno scorso nelle mani dei jihadisti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS