Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Oltre 50 donne yazide sono rimaste incinte dopo essere state violentate dai miliziani jihadisti dello Stato islamico nel nord dell'Iraq. Sono inoltre 5'670 i membri di questa comunità rapiti e ancora nelle mani dello Stato islamico. Tra questi, 650 donne.

Lo ha detto il vice responsabile per le relazioni internazionali del Kurdistan iracheno, Dindar Zebari, parlando in una conferenza stampa a Erbil, capoluogo del Kurdistan iracheno, ha detto che il governo autonomo curdo ha finora speso 15 milioni di dollari per l'assistenza ai profughi e agli ex ostaggi yazidi, compresi programmi di riabilitazione fisica e psicologica per 4'000 donne. Ma ha fatto appello al governo iracheno e a quelli stranieri perché contribuiscano maggiormente a questa attività.

Zebari ha sottolineato che il 40% dei profughi yazidi hanno meno di 18 anni e che il ministero dell'istruzione curdo ha avviato programmi per permettere loro di tornare a frequentare le scuole.

Nell'agosto dell'anno scorso lo Stato islamico ha conquistato la città di Sinjar, nel nordovest dell'Iraq, dove risiedevano la maggior parte degli yazidi, e si è lasciato andare a violenze di ogni genere contro i membri di questa minoranza non islamica considerati "adoratori del diavolo".

Centinaia di yazidi sono stati uccisi e, secondo la deputata irachena yazida Vian Dakhil, non meno di 3'000 donne e ragazze sono state vendute come schiave sessuali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS