Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il primo ministro britannico David Cameron ha annunciato che Londra aumenterà i fondi impiegati per aiuti umanitari in Iraq, passando da tre a cinque milioni di sterline, fondi destinati principalmente ai rifugiati in seguito al conflitto in corso nel Paese.

Stato Islamico dell'Iraq e del Levante (

Cameron ha quindi sottolineato come sia "vitale" che l'avanzata dello Isis) venga arginata dalle forze del governo iracheno.

Mentre nel Regno Unito, ha aggiunto, i responsabili per la sicurezza, l'intelligence e le forze di polizia, stanno concentrando i propri sforzi sul pericolo relativo a cittadini britannici che viaggiano nella regione e, dopo un processo di radicalizzazione, rientrano nel Paese.

Il ministro degli Esteri William Hague aveva già nelle scorse ore riferito di informazioni secondo cui potrebbero essere fino a 400 i cittadini britannici che si sono recati in Siria per combattere, compresi alcuni associati all'Isis.

SDA-ATS