Navigation

Iraq, generale Usa boccia piano Pentagono

La situazione in Iraq rimane tesa. KEYSTONE/AP/HADI MIZBAN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 marzo 2020 - 15:56
(Keystone-ATS)

Il comandate delle forze americane in Iraq respinge la richiesta del Pentagono di prepararsi a una campagna in Iraq per distruggere i gruppi di milizie pro-Iran.

Una bocciatura quella del generale Robert P. White che, riporta il New York Times, mostra le tensioni all'interno dell'amministrazione Trump sulla politica da seguire con l'Iran e sul futuro della guerra in Iraq, iniziata 17 anni fa.

Lo scontro si consuma sulla direttiva inviata dal Pentagono la scorsa settimana, nella quale si ordinava ai militari di prepararsi a una escalation dei combattimenti americani in Iraq. Ma White l'ha respinta spiegando che una tale campagna sarebbe stata sanguinosa, controproducente e rischiava di scatenare una guerra con l'Iran. Il generale ha quindi messo in evidenza come una nuova campagna militare avrebbe richiesto l'invio di migliaia di truppe in Iraq e lo spostamento di risorse ora dedicate all'obiettivo della missione americana nel paese, ovvero l'addestramento di truppe irachene a combattere l'Isis.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.