Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli insorti sunniti iracheni filo al Qaida si stanno rafforzando ogni giorno di più, acquisendo armi, denaro e combattenti. Lo Stato Islamico in Iraq e Levante (Isis) "è più forte di quanto non sia stato da diversi anni", hanno affermato fonti dell'intelligence Usa. Le capacità militari dell'Isis "sono drasticamente aumentate da quando il gruppo ha avuto accesso ad armi moderne nelle basi militari in Siria e Iraq di cui hanno preso il controllo", hanno affermato le fonti, citate dal Washington Post.

Inoltre, hanno potuto mettere le mani anche sui depositi nelle banche della città irachena di Mosul, che hanno catturato un paio di settimane fa. In tal modo hanno sostanzialmente aumentato le loro scorte di denaro, "ma probabilmente in termini di milioni di dollari e non di centinaia di milioni", secondo quanto hanno detto le fonti.

Allo stesso tempo, l'Isis riempie le sue casse attraverso una serie di attività criminali, che comprendo estorsioni e rapimenti. I soldi delle donazioni "impallidiscono davanti agli auto-finanziamenti", poiché i miliziani dell'Isis "sono spietati nello spremere soldi dalle imprese locali", hanno detto ancora le fonti, protette dall'anonimato, secondo cui, attualmente, lo Stato Islamico conta circa diecimila combattenti, di da tre a cinquemila stranieri.

SDA-ATS