Navigation

Iraq: luglio il mese più sanguinoso dal 2010, 325 morti

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 agosto 2012 - 13:37
(Keystone-ATS)

Il mese di luglio è stato il più sanguinoso in Iraq negli ultimi due anni, con 325 persone uccise in seguito ad attentati, di cui 241 civili. È quanto emerge da informazioni raccolte dai ministeri della Sanità, dell'Interno e della Difesa del Paese.

Oltre ai civili, in luglio hanno perso la vita 40 poliziotti e 44 soldati, mentre i feriti sono stati 697. Si tratta del bilancio mensile più pesante fornito dal governo iracheno dall'agosto del 2010, quando persero la vita 426 persone.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?