Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Rifugiati interni iracheni nel capo profughi di Youssifiyah, 20 km a sud di Baghdad (foto d'archivio).

Keystone/AP/HADI MIZBAN

(sda-ats)

Sono 2,3 milioni gli sfollati interni in Iraq a causa della guerra contro l'Isis, dei quali 1,5 milioni residenti della provincia di Ninive, di cui è capoluogo Mosul.

I dati sono stati resi noti dal ministro per le Migrazioni e gli Sfollati, Jassem Mohammad al Jaff, secondo il quale sono 430'000 i civili fuggiti da Mosul.

"La battaglia umanitaria non è meno importante della battaglia militare", ha sottolineato Jaff, affermando che le autorità centrali di Baghdad stanno lavorando con quelle del Kurdistan iracheno, con i comandi militari, con le Nazioni Unite e con le organizzazioni non governative per cercare di accogliere tutti gli sfollati.

Gran parte di coloro che sono fuggiti da Mosul provengono dalla parte ovest della città, dove è ancora in corso un'offensiva contro gli ultimi quartieri In mano allo Stato islamico.

Secondo il ministro, il numero di sfollati tre anni fa, al momento di maggiore espansione territoriale dell'Isis, aveva raggiunto i 4,3 milioni, ma da allora 2 milioni hanno potuto fare ritorno alle loro case.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS