Navigation

Iraq: Ong, 100 persone uccise in sei giorni proteste

Iraq: 100 persone uccise nelle proteste KEYSTONE/AP/HADI MIZBAN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 31 ottobre 2019 - 10:42
(Keystone-ATS)

L'Osservatorio iracheno per i diritti umani ha diffuso oggi il bilancio delle vittime della repressione governativa in Iraq da venerdì 25 ottobre scorso a oggi: circa 100 uccisi e 5500 feriti.

La Commissione d'inchiesta indipendente incaricata dal governo di far luce sulla repressione della prima ondata di proteste, dall'1 al 6 ottobre, aveva documentato l'uccisione di 149 manifestanti e 6 poliziotti.

Sia la Commissione che l'Osservatorio iracheno hanno documentato l'uccisione di decine di manifestanti disarmati con pallottole sparate al capo e al petto da non meglio precisati cecchini e uomini armati col volto coperto e con pallottole di gomma e candelotti di gas lacrimogeni sparati a distanza ravvicinata dagli agenti di polizia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.