Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una serie di attentati suicidi contro seggi elettorali con almeno 27 morti ha funestato oggi le operazioni di voto anticipate per i membri delle forze di sicurezza in Iraq, in vista delle consultazioni legislative di mercoledì. Un pessimo viatico per un Paese che si appresta a scegliere il nuovo Parlamento mentre continua ad essere scosso dalle più gravi violenze degli ultimi cinque anni.

Il primo ministro sciita Nuri al Maliki, al potere dal 2006 e che appare favorito per ottenere un terzo mandato, fa leva proprio sulla necessità di combattere il terrorismo e le tensioni interconfessionali per chiedere al popolo di schierarsi al fianco del governo uscente. Ma in vaste aree del Paese popolate dalla minoranza sunnita è forte il risentimento contro il premier, accusato di condurre politiche discriminatorie contro gli appartenenti a questa confessione e di governare con metodi dittatoriali.

Altri motivi di malcontento sono la corruzione, la carenza di servizi pubblici e la disoccupazione. Problema, quest'ultimo, che nemmeno il boom petrolifero è riuscito ad avviare a soluzione. L'Iraq, che ha raggiunto nel mese di febbraio una produzione di 2,8 milioni di barili al giorno, è ormai al secondo posto dopo l'Arabia Saudita tra i maggiori esportatori dell'Opec, ma non riesce ancora a tradurre tale ricchezza in un piano di sviluppo economico coerente e a vasto respiro. Tra l'altro il vice primo ministro per gli affari dell'energia, Hussein al Shaherstani, ha detto che nel corso del 2013 ci sono stati ben 53 attentati contro gli oleodotti del Paese.

Lo scorso anno, con quasi 9500 morti in attentati e violenze di natura politica e confessionale, è stato il più sanguinoso a partire dal 2008, secondo l'ong Iraq Body Count. La carneficina è continuata nel 2014, con almeno 3000 uccisi dal primo gennaio. A rinfocolare gli odi interconfessionali tra sciiti e sunniti è il conflitto civile nella vicina Siria.

Circa 800.000 membri delle forze di polizia e dell'esercito che dovranno sorvegliare le operazioni di voto di mercoledì sono stati chiamati alle urne oggi. Ma gli attentati suicidi a Baghdad e in altre città contro i centri elettorali hanno seminato la morte. Tre gli attacchi più gravi: due nella capitale, con un bilancio di 13 morti e 40 feriti - in buona parte poliziotti - e uno a Kirkuk, nel nord, dove sono morti 6 agenti e 9 sono stati feriti.

Difficilmente le operazioni di voto si potranno svolgere mercoledì in alcune aree del Paese, in particolare nella provincia occidentale di Al Anbar, confinante con la Siria, investita a partire dall'inizio dell'anno da un'offensiva dei miliziani Jiihadistii dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante (Isis), collegati ad al Qaida, e da altri gruppi sunniti anti-governativi. L'intera città di Falluja e diversi quartieri di Ramadi rimangono tutt'ora sotto il loro controllo.

SDA-ATS