Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente della regione autonoma del Kurdistan iracheno Massud Barzani

KEYSTONE/EPA/ALI ABBAS

(sda-ats)

Il presidente della regione autonoma del Kurdistan iracheno, Massud Barzani, è tornato oggi a prospettare la possibilità di arrivare all'indipendenza della regione.

"Nelle attuali difficili circostanze c'è un'opportunità reale di ridisegnare la regione", ha detto.

Barzani, che alcuni mesi fa aveva già parlato della possibilità di tenere un referendum sull'indipendenza, ha emesso una dichiarazione in occasione del centesimo anniversario dell'accordo Sykes-Picot, che tracciò i confini e divise la regione in sfere di influenza tra Gran Bretagna e Francia alla caduta dell'Impero ottomano.

"L'Iraq è già diviso", ha insistito Barzani, facendo appello alle autorità centrali di Baghdad per un "dialogo serio per arrivare ad una nuova soluzione". "In questo momento - ha concluso - i confini e le sovranità hanno perso il loro significato, e il Sykes-Picot è morto".

Negli ultimi due anni le milizie curde dei Peshmerga hanno preso il controllo di nuovi territori contesi con gli arabi nel Nord dell'Iraq, in seguito alla fuga dell'esercito federale di Baghdad davanti all'avanzata dell'Isis nel 2014.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS