Navigation

Iraq: wikileaks potrebbe diffondere 400mila nuovi documenti

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 ottobre 2010 - 21:36
(Keystone-ATS)

NEW YORK - Il sito internet Wikileaks che fa capo all'australiano Julian Assange potrebbe diffondere a breve, forse già domani, 400 mila nuovi documenti militari riguardanti la guerra in Iraq.
Lo ha reso noto la CBS, precisando che il Pentagono si sta preparando ad affrontare la possibile nuova fuga di notizie dopo quella del luglio scorso. Il ministero della Difesa americano avrebbe già dispiegato 120 persone per valutare le possibili conseguenze della nuova diffusione di file riservati.
Secondo la Cbs, si trattarebbe di materiale "esplosivo", riguardante operazioni avvenute e operazioni in corso, persone che possono aver collaborato, informazioni sul governo iracheno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.