Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Abbiamo sottovalutato l'Is e la sua volontà di combattere. Lo stesso errore che facemmo col Vietnam": ad ammetterlo è James Clapper, il capo supremo degli 007 Usa, direttore del National Intelligence che vigila sul lavoro di tutte le agenzie di intelligence americane.

In una sorprendente autocritica sul Washington Post, Clapper spiega di non essersi lui stesso reso conto del collasso delle forze di sicurezza irachene.

"Non siamo stati in grado di prevedere le capacità e la volontà di combattere dell'Is - afferma Clapper - E così come sottovalutammo i Vietcong e sopravvalutammo le forze sudvietnamite, in questo caso abbiamo sottovalutato lo stato islamico e sopravvalutato la capacità di combattere e di difendersi dell'esercito iracheno".

"Non mi sono reso conto del collasso delle forze di sicurezza dell'Iraq", ammette ancora Clapper, spiegando di aver creduto che l'Is fosse "una minaccia strategica nel lungo termine" per gli Stati Uniti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS