Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La rappresaglia della Giordania "è solo all'inizio" e Amman colpirà "l'IS ovunque", in Siria e Iraq. Lo annuncia il ministro degli esteri giordano Nasser Judeh intervistato dalla Cnn all'indomani dei bombardamenti aerei dei caccia di Amman contro postazioni dello Stato islamico.

Il nome in codice della rappresaglia lanciata dall'aviazione giordana (Jaf) dopo la barbara uccisione del pilota Muaz al-Kassasbeh è "Operazione martire Muath", hanno intanto annunciato le Forze armate giordane in un comunicato.

Nella giornata di ieri, si precisa, "decine di caccia" hanno centrato e "distrutto" postazioni dell'IS. Non si precisa dove. "Pagheranno per ogni capello di Muath", conclude il comunicato. Dopo la missione, i caccia hanno sorvolato la città natale del pilota.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS