Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il ministro degli esteri iracheno Ibrahim al-Jaafari.

KEYSTONE/AP/KARIM KADIM

(sda-ats)

L'Iraq è fermamente intenzionato a proseguire e portare a termine la lotta contro i terroristi dello Stato islamico. Lo ha detto il ministro degli esteri Ibrahim Al-Jaafari, in visita oggi a Belgrado.

Rivolgendosi ai giornalisti al termine di un colloquio con il collega serbo Ivica Dacic, Al-Jaafari ha parlato di "grandi successi" dell'esercito iracheno, che nella sola giornata di ieri ha liberato 428 villaggi nella regione di Mosul. "La nostra lotta non sarà conclusa fino a quando l'ultimo combattente dello stato islamico non verrà cacciato", ha detto il ministro iracheno.

Osservando come tutti i Paesi del mondo possano avere problemi con il terrorismo, Al-Jaafari ha detto che l'Iraq combatte lo stato islamico e il terrorismo sia per sé sia per il mondo intero, per questo ha la necessità di importare armi in modo da poter combattere per la propria sovranità e integrità territoriale.

L'Iraq, ha aggiunto il ministro, fa appello a tutti gli Stati del mondo per contribuire alla costruzione delle sue infrastrutture e invita tutti gli iracheni fuggiti a far ritorno nel Paese.

Dacic, che ha firmato con il collega iracheno due accordi bilaterali, ha assicurato l'appoggio della Serbia nella lotta al terrorismo e contro lo stato islamico. Al-Jaafari, primo ministro degli esteri iracheno a effettuare una visita in Serbia, è stato ricevuto anche dal presidente Tomislav Nikolic, che ha auspicato un rapido ritorno della pace e della stabilità su tutto il territorio dell'Iraq, condizione per un rilancio delle relazioni economiche e commerciali.

Anche Nikolic ha assicurato l'appoggio della Serbia all'Iraq nella lotta al terrorismo e allo stato islamico, proponendo una intensificazione degli scambi dei dati fra i servizi d'intelligence. Nei colloqui si è parlato anche della crisi dei migranti sulla rotta balcanica e in Serbia, fra i quali figurano numerosi cittadini iracheni, con Al-Jaafari che ha ribadito la posizione di Baghdad contraria al riconoscimento dell'indipendenza del Kosovo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS