Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il traffico di oggetti di antichità dalla Siria distrugge un patrimonio culturale unico al mondo e "diventa arma di guerra". Oltre 120 esperti di musei e università hanno scritto una lettera-appello al Consiglio di Sicurezza dell'ONU perché approvi una risoluzione per fermare i saccheggi e il contrabbando di una "eredità culturale condivisa".

Gli archeologi notano che "centri antichi che risalgono all'alba della civiltà vengono in questi giorni crudelmente scavati clandestinamente e venduti a collezionisti stranieri". La Siria ha sei siti designati patrimonio dell'umanità dall'Unesco tra cui Damasco e Aleppo. "L'influenza della sua storia sulla società moderna è difficile da sovrastimare".

Ci sono precedenti per un'azione dell'Onu: nel 2003, dopo l'invasione dell'Iraq, una risoluzione del Consiglio fece appello agli Stati membri di vietare il traffico di antichità irachene quando esisteva il "ragionevole sospetto" che provenissero da saccheggi o scavi clandestini.

Gli archeologi sostengono che un voto del Consiglio sarebbe un primo passo importante: "oltre a ridurre il valore di mercato delle antichità, mostrerebbe la solidarietà internazionale con attivisti e archeologi siriani che a rischio della vita lavorano sul campo per proteggere questa storia".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS