Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La polizia bosniaca ha arrestato, tra la notte scorsa e stamani, sei islamici, appartenenti al movimento radicale salafita (wahabita), sospettati di aver tentato di raggiungere la Siria per unirsi alle forze dello 'Stato islamico' )Isis) e di aver finanziato e organizzato gruppi terroristici e reclutato giovani jihadisti. Lo ha reso noto la Procura di Sarajevo, precisando che Gli arresti sono avvenuti a Sarajevo, a Maglaj, (Bosnia centrale) e a Buzim (ovest del paese).

Due persone sono state arrestate mentre erano in partenza per Istanbul dall'aeroporto di Sarajevo, altre alla frontiera ovest verso la Croazia, altre ancora perché sospettate di essere i reclutatori.

Lo scorso giugno il parlamento bosniaco ha approvato una modifica del Codice penale che considera reato penale la partecipazione a guerre all'estero, punibile fino a dieci anni di reclusione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS