Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un comandante talebano afghano ha ritirato il suo supporto all'Isis perché in disaccordo con il leader Hafiz Saeed Khan responsabile della 'regione' Afghanistan e Pakistan. Lo riportano i media pachistani.

Abdul Rahim Dost, ex detenuto di Guantanamo rilasciato nel 2005, accusa il capo regionale dello Stato Islamico di "massacri, rapimenti e di abusi sulla popolazione locale".

Il leader talebano era stato tra i primi a dichiarare la sua fedeltà ad Abu-Bakr Al-Baghdadi e ad aderire al progetto di creare un grande "califfato". Nel 2014 si era unito all'Isis insieme ad altri talebani del gruppo pachistano Tehrik-e-Taleban Pakistan (Ttp), tra cui il portavoce Shahidullah Shahid.

Secondo quando riporta Express, Dost ha deciso di ritirare il supporto a Hafiz Saeed in quanto lo accusa di violare i principi islamici. "Gli avevamo dato pieno appoggio - avrebbe detto secondo quanto riferisce il giornale - dopo che era stato nominato a capo di Khurasan (regione che comprende Afghanistan, Turkmenistan e Iran). Ma si è comportato con inaudita crudeltà, ha approfittato dell'ignoranza della gente, violato i precetti islamici e umiliato la popolazione locale".

Dost ha specificato che Hafiz Saeed "ha imposto ingiustamente multe, chiuso le scuole, maltrattato la popolazioni e commesso azioni ingiustificabili". Tuttavia, ha precisato di "essere sempre leale all'Isis e al Califfato ma solo se non ci sono deviazioni".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS