Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Lo Stato islamico (Isis) ha diffuso oggi in Rete immagini di propaganda che mostrano la distruzione del tempio di Baal Shamin, a Palmira, avvenuta domenica.

Le immagini, postate sui social media da sostenitori del Califfato, mostrano miliziani jihadisti sistemare cariche esplosive lungo il perimetro del tempio, risalente a 2000 anni fa. Successivamente si vede una colonna di fumo alzarsi dal luogo dell'esplosione e infine un cumulo di blocchi di pietra che formavano l'edificio.

"La completa distruzione del tempio pagano di Baal Shamin", si legge a commento delle immagini.

"Tali atti costituiscono un crimine di guerra, e i responsabili dovranno rispondere delle loro azioni", aveva affermato ieri il direttore generale dell'Unesco, Irina Bokova, parlando di "una perdita considerevole per il popolo siriano e l'umanità" a causa del vandalismo estremista.

L'Isis ha preso nel maggio scorso il controllo della città siriana di Palmira e del suo sito archeologico, uno dei più suggestivi al mondo. La distruzione del tempio di Baal Shamin, a poca distanza dall'anfiteatro romano, è avvenuta dopo che, il 18 agosto, i jihadisti avevano decapitato sulla piazza antistante il museo Khaled al Asaad, 81 anni, studioso di fama internazionale e per 40 anni direttore del sito.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS