Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Militanti dell'Isis hanno fatto saltare in aria l'arco di trionfo di Palmira, vestigia di epoca romana di almeno duemila anni. Lo riferisce il sovrintendente alle antichità siriane citato da Skynews.

L'esercito del cosiddetto stato islamico ha conquistato il sito archeologico nel maggio scorso, facendone un simbolo del loro odio contro l'occidente e le sue vestigia considerate sacrileghe.

Nell'agosto scorso i militanti dell'Isis avevano raso al suolo tre tombe a torre costruite tra il 44 e il 103 dopo Cristo. Poco prima era stato distrutto anche il Tempio di Bel, sempre nello stesso sito. Il 19 agosto hanno decapitato l'archeologo custode del sito, Khaled Assad, responsabile del sito di Palmira. La sua testa era stata appesa ad una colonna romana.

Khaled Al Homsi, archeologo e attivista dei diritti umani, ha twittato una foto del monumento prima che fosse distrutto dall'isis, indicando con dei segni rossi le parti dell'arco che non esisterebbero più: la sommità centrale e quella dei due archi laterali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS