Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha spiegato che i 46 ostaggi turchi rapiti dall'Isis a Mosul, nel nord dell'Iraq, e per 100 giorni nella mani dei jihadisti, sono stati liberati senza pagare un riscatto, ma grazie a "trattative diplomatiche". "È stata la vittoria della diplomazia, non è stata una questione di soldi", ha detto Erdogan ai giornalisti, parlando di una "operazione segreta" dei servizi segreti turchi.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.