Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un'immagine simbolica mostra la cittadina di Qaraqosh, ad est di Mosul, in Iraq, dove era stata rapita la bimba (foto d'archivio).

KEYSTONE/AP/FELIPE DANA

(sda-ats)

È finalmente tornata a casa Christina, la bimba irachena rapita nella città cristiana di Qaraqosh 2014 a soli tre anni dai miliziani dell'Isis e messa in vendita in una moschea.

È stata ritrovata dopo l'offensiva militare di venerdì scorso a Mosul e ha potuto riabbracciare i propri genitori.

Il rapimento risale al 22 agosto 2014: la bimba venne stappata dalle braccia della madre mentre questa veniva costretta a salire su un pullman, dai finestrini oscurati col fango, con una ventina di altri cristiani, gli ultimi rimasti a Qaraqosh. Inutili le grida e la resistenza della donna. Gli adulti vennero deportati a Erbil, nel Kurdistan iracheno, nella piana di Ninive.

Nei giorni seguenti la famiglia riuscì a telefonare a conoscenti arabi vicini agli ambienti jihadisti. Li rassicurarono affermando che la bambina si trovava "in mani sicure, affidata a una famiglia". Poi più nulla. Costretta a crescere nell'estremismo islamico? Finita in un orfanotrofio dell'Isis?

Christina si è ricongiunta negli scorsi giorni con i suoi genitori, stanziati a Erbil, dopo essere stata ritrovata nei dintorni di Mosul. Lo affermano, - in un comunicato - i frati del Sacro convento di Assisi che avevano lanciato, nel 2015, tramite l'evento di solidarietà "Con il cuore, nel nome di Francesco", l'hashtag #savecristina facendo appello affinché la bimba fosse liberata.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS