Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il sedicente Stato islamico (Isis) ha distrutto nelle ultime ore la chiesa domenicana di Mosul, nel nord dell'Iraq. Lo ha detto all'agenzia di stampa italiana Ansa una fonte del Patriarcato caldeo raggiunta telefonicamente.

Il patriarcato caldeo ha affermato di aver ricevuto notizia confermata che miliziani dello Stato islamico hanno distrutto con esplosivo la chiesa dei padri domenicani nel centro di Mosul.

"Condanniamo con forza - si legge nel comunicato diffuso nelle ultime ore - questo nuovo atto che ha preso di mira una chiesa cristiana, come condanniamo tutte le azioni contro le moschee e tutti gli altri luoghi di culto".

La chiesa domenicana a Mosul risaliva alla fine del XIX secolo ed era conosciuta per il suo campanile con un orologio, dono della moglie di Napoleone III Eugenia di Francia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS