Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"L'Isis ha perso il 45% dei territori che controllava in Iraq": lo ha rivelato il portavoce del Pentagono Peter Cook, precisando che invece in Siria il Califfato "ha ceduto una percentuale di territorio che va dal 16% al 20%".

Si tratta di valori maggiori rispetto a quanto stimato precedentemente dal Dipartimento della Difesa, secondo cui lo Stato Islamico avrebbe perso il 40% di controllo in Iraq e il 10% in Siria.

Dall'inizio della campagna della coalizione internazionale guidata dagli Usa nell'agosto del 2014, in Iraq l'Isis ha ceduto il controllo di città come Ramadi e Heet, ma controlla ancora luoghi importanti come Mosul e Falluja. In Siria invece ha in pugno Raqqa.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS