Il capo del Pentagono, Ash Carter, conferma in una nota l'uccisione di Abu Sayaf, uno dei massimi responsabili dell'Isis, e la cattura della moglie Umm Sayaf nel corso di un raid nell'est della Siria, ad al-Amr.

Il raid è stato autorizzato direttamente dal presidente americano, Barack Obama, e condotto nel quadro delle leggi internazionali. Lo rende noto la Casa Bianca: l'ok è arrivato dopo l'unanime consenso del team per la sicurezza nazionale del presidente e col consenso di Baghdad.

Inoltre, fa sapere la Casa Bianca, nel corso del raid è stata liberata una donna yazida tenuta come schiava dalla coppia Sayaf. "Gli Stati Uniti continueranno al fianco degli alleati iracheni nello sforzo volto a indebolire e infine di distruggere l'Isis", afferma in una nota la Casa Bianca.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.