Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli Usa intensificano gli attacchi contro l'Isis e per la prima volta bombardano le autobotti in Siria.

Secondo quanto riferisce il New York Times, caccia americani hanno attaccato centinaia di camion utilizzati dallo Stato islamico per contrabbandare il greggio che sta producendo in Siria.

Una prima stima parla di 116 autobotti distrutte nella zona vicino Dei al-Zour, nell'est della Siria, controllata dai jihadisti. I raid sono stati condotti da 4 caccia A-10 e due cannonieri basati in Turchia.

I raid erano stati pianificati prima degli attentati di Parigi, riferiscono funzionari a conoscenza dell'operazione, spiegando che fanno parte di una strategia più ampia per interrompere la capacità dell'Isis di generare entrate a sostegno delle proprie operazioni militari.

Da lungo tempo, l'amministrazione Obama si dice frustrata dalla capacità dello Stato islamico di generare decine di milioni di dollari al mese dalla produzione ed esportazione di petrolio. Per interrompere questa fonte di reddito, funzionari Usa hanno fatto sapere la settimana scorsa di aver notevolmente intensificato gli attacchi aerei contro le infrastrutture che permettono all'Isis di pompare petrolio in Siria.

Finora, gli Usa avevano evitato di colpire le autobotti, che si calcola siano più di 1.000, nel timore di causare vittime tra i civili. Di conseguenza, il sistema di distribuzione per l'esportazione di petrolio era rimasto in gran parte intatto.

La nuova campagna militare, scrive il Nyt, si chiama 'Tidal Wave II'. Prende il nome dall'operazione della seconda guerra mondiale per contrastare la Germania nazista, colpendo l'industria petrolifera della Romania.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS