Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le immagini che mostrano la morte di Haruna Yukawa, l'ostaggio giapponese decapitato dai militanti dell'Isis, sono "verosimilmente autentiche". Lo ha detto il portavoce del governo di Tokyo, Yoshihide Suga, aggiungendo che "nessun contatto" c'è stato finora con i rapitori su Kenji Goto, l'altro cittadino nipponico sequestrato.

Quella espressa da Suga è la prima ammissione sulla possibile autenticità del video diffuso ieri dai militanti dello Stato islamico, dopo la iniziale prudenza.

"Il Giappone - ha aggiunto il portavoce in conferenza stampa - lavora con Giordania e altri Paesi per favorire la liberazione dell'altro ostaggio" di cui non ci sarebbero notizie certe.

Tokyo ha istituito ad Amman l'unità di crisi nella regione. Il governo nipponico sta analizzando ancora "se il messaggio sia stato o meno effettivamente postato dallo Stato islamico".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS