Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Isis ha diffuso il video della decapitazione dell'ostaggio giapponese, il reporter Kenji Goto. Lo riferisce Site, il sito di monitoraggio del jihadismo.

Il video di 1 minuto e 7 secondi è stato prodotto da al-Furqan Media Foundation, la 'casa di produzione' dell'Isis, aggiunge Site, ed è stato diffuso oggi su Twitter. Goto indossa la tuta arancione come precedenti ostaggi dello Stato islamico.

Per la liberazione di Goto, i jihadisti avevano chiesto il rilascio della terrorista irachena Sajida Rishawi in carcere in Giordania. Amman aveva dato la sua disponibilità, chiedendo a sua volta la liberazione del pilota giordano caduto nelle mani dell'Isis, Muaz Kassasbe. Oggi su Twitter circolavano notizie non confermate che anche il pilota fosse stato decapitato.

Il boia è John il jihadista

Ad uccidere l'ostaggio giapponese Kenji Goto è di nuovo John il jihadista, secondo le immagini trasmesse da Site, sito specializzato sul jihadismo.

John, rivolto al governo giapponese, dice: "Voi giapponesi , come i vostri stupidi alleati nella coalizione satanica, dovete ancora capire che noi , per grazia di Allah, siamo un califfato islamico con autorità e potere, un intero esercito assetato del vostro sangue".

"Abe - afferma John rivolgendosi al primo ministro giapponese, mentre brandisce il coltello sopra l'ostaggio inginocchiato ma ancora in vita - data la tua spericolata decisione di partecipare ad una guerra che non potete vincere, questo coltello non solo sgozzerà Kenji, ma continuerà la sua opera e causerà carneficine ovunque la vostra gente si troverà. L'incubo per il Giappone è incominciato".

Il nuovo video diffuso dall'Isis non contiene alcun riferimento alla sorte del pilota giordano Muaz Kassasbe, riferisce Site.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS