Navigation

Islam: Nora Illi deceduta a 35 anni

Nora Illi fotografata a Lugano nel 2013 prima del voto cantonale sul divieto del burqa in luoghi pubblici. KEYSTONE/KARL MATHIS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 marzo 2020 - 10:50
(Keystone-ATS)

Nora Illi, elvetica convertita all'islam che fa parte del Consiglio centrale islamico della Svizzera (CCIS) di cui è stata anche tra le fondatrici, è morta lunedì all'età di 35 anni a causa di un tumore al seno contro il quale lottava da anni.

Lo ha comunicato la stessa organizzazione oggi in una nota.

La donna, che per anni ha difeso una visione tradizionalista dell'Islam e indossava il niqab, lascia sei figli e il marito. Il funerale, con rito islamico, si terrà nel cimitero del Bremgarten a Berna. A causa dell'attuale epidemia di coronavirus potranno parteciparvi solo persone espressamente invitate.

Nora Illi, convertitasi da giovane all'islam, è riuscita spesso a farsi notare e ad apparire sui media. Ha ad esempio infranto volontariamente il divieto di indossare il velo integrale nei luoghi pubblici in Ticino.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.