Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

GINEVRA - Il peggio potrebbe essere passato sul fronte dell'impatto della nube di polveri fuoriuscite dal vulcano in Islanda. Secondo l'Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) ci sono infatti segnali in tal senso.
"Ci sono segnali che indicano che il peggio è passato sul piano atmosferico", ha affermato oggi a Ginevra Herbert Puempel, capo della Divisione Aeronautica dell'OMM. Salvo catastrofi, "la situazione attuale indica molti segni positivi per la seconda metà della settima", ha aggiunto.
Sia da un punto di vista meteorologico (con una bassa pressione in arrivo in Islanda) che geofisico (con l'eruzione che evolve verso una fase lavica), "tutti gli indicatori sono molto, molto positivi" per la seconda parte della settimana (verso il week-end) ha detto l'esperto.
A suo parere i venti potrebbero spingere la nube verso la costa atlantica del Nordamerica ma questo non dovrebbe causare problemi per i voli transatlantici.

SDA-ATS