Navigation

Isole greche dell'Egeo insorgono, 'via i migranti'

Accampamento di rifugiati a Lesbo KEYSTONE/AP/TS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 gennaio 2020 - 18:02
(Keystone-ATS)

Esplode la rabbia degli abitanti delle isole greche dell'Egeo nord-orientale: a Lesbo, Samos e Chio è scattato uno sciopero contro le politiche del governo sull'immigrazione.

Atene è accusata di tenere lì migliaia migranti giunti dalla Turchia in condizioni spesso drammatiche, senza alcuna certezza sul loro futuro status, e senza trasferirli rapidamente altrove, sulla Grecia continentale.

Colpite già a partire dal 2015 da un massiccia ondata migratoria (oltre 856.000 arrivi quell'anno in Grecia, secondo l'Unhcr), le isole soffrono da anni del sovraffollamento, che ha messo in ginocchio la principale industria locale, il turismo.

Nell'ormai famigerato campo di Moria a Lesbo ci sono oltre 19.000 richiedenti asilo, in una struttura che dovrebbe ospitarne 2.840. Attorno al campo principale è sorto un accampamento 'informale' dove la situazione di estremo degrado è denunciate da anni dalle ong e dall'Unhcr.

A Lesbo, riferiscono i media greci, i dimostranti (circa 3.000) hanno issato uno striscione sulla facciata del teatro municipale a Mitilini con la scritta "rivogliamo le nostre isole, ridateci le nostre vite". Un altro diceva "Basta con le prigioni di anime umane nel nord dell'Egeo".

Molti dei responsabili del governo locale delle isole, tra cui il governatore dell'Egeo settentrionale Kostas Moutzouris, andranno domani ad Atene per presentare le loro richieste al governo. Circa 1.500 persone sono scese in strada a Samos. Nell'isola ci sono oltre 7.200 migranti. A Chio, a fine 2019, c'erano circa 5.000 migranti.

Il ministro per le migrazioni Notis Mitarakis, che è stato a Lesbo e Samos nello scorso fine settimana, ha indicato i modi con cui l'esecutivo di Kyriakos Mitsotakis intende affrontare il problema: "Prima ci vuole una protezione efficace dei nostri confini e, secondo, rimpatriare subito coloro che non hanno diritto alla protezione internazionale".

Il governo ha però intenzione di costruire campi chiusi sulle stesse isole, per coloro in attesa di espulsione, una misura fortemente avversata dagli isolani.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.