Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Severe critiche al comportamento del premier Benjamin Netanyahu per aver accettato finanziamenti da parte di organizzazioni e di uomini d'affari stranieri per viaggi compiuti quando fungeva da ministro delle finanze (2003-5).

Ese sono contenute in un rapporto pubblicato oggi dal Controllore di Stato (che supervisiona conti e spese) Yosef Shapira.

Secondo il Controllore il comportamento di Netanyahu appare in contrasto con le regole dell'epoca e richiede altri approfondimenti per escludere che vi siano risvolti di carattere penale. Ma secondo diversi osservatori è più probabile che la intera vicenda sia destinata ormai a passare sotto prescrizione.

Negli anni esaminati, ha precisato la radio militare, Netanyahu e i membri della sua famiglia compirono dieci viaggi all'estero, per un valore di decine di migliaia di dollari, con l'aiuto di enti e di uomini d'affari stranieri.

Da qui, secondo il Controllore, il rischio di un conflitto di interessi. Per Isaac Herzog, leader dell'opposizione laburista, il rapporto "è molto grave e richiede un dibattito approfondito". Il premier ha replicato di aver agito secondo le norme in vigore all'epoca, cambiate solo nel 2008.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS