Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Alcune centinaia di ebrei ultraortodossi si sono riuniti vicino al cenacolo a Gerusalemme per chiedere che venga mantenuta la sovranità israeliana su questo luogo in cui Papa Francesco celebrerà la messa tra meno di due settimane. Là dove i cristiani ricordano l'ultima cena di Gesù, gli ebrei venerano la Tomba del Re David. E sul posto c'è anche un luogo santo ai musulmani.

"Nel momento in cui si toccasse lo status quo di questo luogo, avverranno cose nefaste", ha avvertito il rabbino Avraham Goldstein, accusando il governo israeliano di voler restituire il cenacolo al Vaticano.

Il luogo fa parte di un negoziato tra Israele e la Santa Sede, più interessata ad avere la gestione che la proprietà. Il 30 aprile del 2013 il presidente israeliano Shimon Peres, nel corso di una sua visita in Vaticano, disse che sulla controversia il 99% delle questioni era stato risolto, ma nessun accordo è mai stato ufficializzato. I manifestanti hanno indetto una nuova protesta per il 22 maggio, tre giorni prima dell'arrivo del Papa.

SDA-ATS