Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il governo di Benyamin Netanyahu ha deciso oggi di insediare una commissione speciale con l'incarico di espellere "gli attivisti impegnati nel boicottaggio di Israele, o nella sua delegittimazione".

Lo rende noto un comunicato congiunto del ministro degli interni Arye Deri (Shas) e del ministro per la sicurezza interna Gilad Erdan, del Likud, precisando che si vuole anche impedire l'ingresso a quanti di loro cercassero di arrivare dall'estero in futuro.

La task-force formata dai due ministri dovrà "localizzare centinaia di attivisti che si trovano oggi in Israele". "Oggi - si legge in un comunicato pubblicato dai ministri Deri ed Erdan - sono attive decine di organizzazioni che, sotto forme diverse, operano in Israele per raccogliere informazioni nell'intento di sostenere il suo boicottaggio, il suo isolamento e quello dei suoi cittadini".

"Spesso - prosegue la nota - gli attivisti per il boicottaggio giungono in Giudea-Samaria (Cisgiordania, ndr), aizzano la popolazione locale contro le forze dell'ordine e così ne intralciano le attività ".

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS