Navigation

Israele: Gantz, Netanyahu vuole andare ad elezioni

Benny Gantz, leader del partito centrista Blu-Bianco, è incaricato di formare il nuovo governo israeliano (foto d'archivio) KEYSTONE/AP Pool Sipa Press/HEIDI LEVINE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 14 novembre 2019 - 12:33
(Keystone-ATS)

Benny Gantz, leader del partito centrista Blu-Bianco e premier incaricato di formare il nuovo governo israeliano, è convinto che Benyamin Netanyahu con il suo blocco di alleanza "voglia andare a nuove elezioni" e non intenda negoziare un governo di unità nazionale.

Lo ha detto al termine di un incontro con Avigdor Lieberman, leader nazionalista laico di 'Israele casa nostra' che appoggia il piano del presidente Reuven Rivlin di un governo di unità nazionale guidato in alternanza da Netanyahu e da Gantz, cominciando dal primo.

"Abbiamo appena finito un ottimo incontro - ha osservato Gantz parlando con i giornalisti insieme a Lieberman - e non vogliamo vedere nuove elezioni. Faremo ogni sforzo fino all'ultimo" per evitarle.

Per quanto riguarda la proposta di Rivlin del governo di unità, Gantz ha sottolineato di "essere pronto a considerare ogni opzione che rispetti i miei principi in termini di incriminazione". Gantz si è riferito alla possibilità che Netanyahu sia definitivamente incriminato dall'Avvocato generale dello stato, Avichai Mandelblit, per corruzione e frode in almeno due indagini.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.