Israele ha deciso di liberare il detenuto palestinese Khader Adnan, che per protesta era da 56 giorni in sciopero della fame. Lo comunicano il suo difensore e l'associazione Palestinian Prisoners Club.

Adnan, 37 anni, era in carcere in regime di detenzione amministrativa, che consente la reclusione senza specifiche accuse per un periodo di sei mesi, rinnovabile indefinitamente. Era stato arrestato un anno fa, poco dopo il rapimento e l'uccisione di tre giorni israeliani.

Già nel 2012, in occasione di un precedente arresto, Adnan aveva digiunato per 66 giorni prima di ottenere la scarcerazione.

La sua vicenda era seguita con molta apprensione nei territori palestinesi, nel timore che potesse morire in qualsiasi momento a causa del digiuno.

L'uomo ha deciso di interrompere la sua protesta la scorsa notte, dopo che le autorità israeliane hanno fissato il suo rilascio per il prossimo 12 luglio, ha affermato il suo legale, Jawad Boulos. Adnan è stato trasferito in un ospedale israeliano per riprendere l'alimentazione sotto controllo medico.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.