Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il premier Benyamin Netanyahu potrebbe essere costretto ad una maggioranza di soli 61 seggi su 120 per il suo prossimo governo per il quale è stato incaricato dal presidente Reuven Rivlin.

Il leader della destra nazionalista non religiosa (e ministro degli esteri) Avigdor Lieberman si è infatti opposto con forza all'intesa raggiunta tra Netanyahu e il partito di "Torah Unita" che prevede, tra l'altro, il possibile congelamento della legge sulla leva obbligatoria per gli ortodossi.

"L'accordo raggiunto - ha tuonato Lieberman - rappresenta per noi un grande problema". Non solo, ma nei quattro giorni che restano alla scadenza del 7 maggio - data limite per formalizzare la coalizione di maggioranza e presentarsi poi alla Knesset per la fiducia - Netanyahu deve fronteggiare anche un'aspra polemica tra i religiosi dello Shas e Naftali Bennett di "Focolare ebraico", vicino ai coloni. Il secondo non ha gradito affatto la possibile assegnazione ai primi del ministero degli affari religiosi.

Ora Netanyahu avrà a disposizione poco tempo per far quadrare il cerchio e sciogliere la riserva, ma la maggioranza che si profila - a meno che non cambi qualcosa nel frattempo - è quella di 61 seggi. Un voto in più della metà della Knesset.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS