Navigation

Israele: nuovo governo, 'Piano Trump fondamentale per Mo'

Il nuovo governo israeliano valuta il piano di Trump sul futuro di Israele "fondamentale". KEYSTONE/EPA/HANDOUT HANDOUT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 maggio 2020 - 12:47
(Keystone-ATS)

"Il presidente Trump ci ha presentato una occasione storica per forgiare il futuro dello Stato di Israele per i prossimi decenni": lo ha affermato il nuovo ministro degli Esteri israeliano Gaby Ashkenazy (Blu Bianco), riferendosi al suo 'Piano del secolo'.

Quel progetto, ha aggiunto, "rappresenta una pietra fondamentale significativa" per la Regione.

Israele si sforzerà di portarlo avanti "in maniera responsabile in cooperazione con gli Stati Uniti, nel contesto comunque degli accordi di pace e degli interessi strategici dello Stato di Israele". "Attribuiamo grande importanza - ha proseguito - al rafforzamento dei legami strategici con i Paesi che hanno sottoscritto con noi accordi di pace, l'Egitto e la Giordania".

Ashkenazi (un ex capo di Stato maggiore che nei giorni scorsi ha incontrato a Gerusalemme il Segretario di Stato Mike Pompeo) ha poi espresso compiacimento nei confronti della amministrazione Trump "per la sua posizione forte accanto ad Israele per fermare i progetti nucleari di Teheran ed il tentativo iraniano di mettere basi lungo i nostri confini".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.