Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Gerusalemme è una città santa, non è Tel Aviv".

Con queste parole un esponente ortodosso nel consiglio comunale della città ha annunciato l'opposizione del suo partito al progetto di introdurre anche a Gerusalemme un sistema pubblico di affitto delle biciclette come avviene, con grande successo, a Tel Aviv. Una iniziativa che favorirebbe, secondo gli ortodossi, la dissacrazione dello shabbat, il giorno di riposo ebraico.

Il piano - iniziativa del vicesindaco Tamir Nir - dovrebbe partire la prossima primavera e punta inizialmente a introdurre circa 500 biciclette in 15 stazioni di affitto, per lo più in centro città. La proposta ne riprende una già presentata in passato ma accantonata per motivi finanziari; l'attuale piano punta invece per ora ai luoghi più frequentati dai turisti e sarà via via espanso solo se la prima fase andrà bene. Il progetto inoltre dovrebbe essere ancora più tecnologico di quello in uso a Tel Aviv (Tel O Fun): le stazioni di affitto saranno dotate di pannelli solari e tutto avverrà con un'app.

Ma - nonostante il piano stabilisca che i punti di affitto previsti nei sobborghi degli ultraortodossi non siano in funzione durante lo shabbat e e nelle feste ebraiche - l'opposizione al progetto resta alta. "Non c'è ombra di dubbio - ha detto alla Radio militare il presidente del partito 'Torah Unita' Eliezer Rauchberger - che vediamo questo con grande severità e faremo di tutto per impedirla. So che ci sono analoghe iniziative a Tel Aviv e in altre città, ma questa non è Tel Aviv".

Il vicesindaco Nir, citato dai media, non è sembrato scomporsi: "potrebbe pure essere che veramente facciano di tutto per fermare il progetto. Ma di cosa stiamo parlando? Quale dissacrazione dello shabbat? Tutto sommato si tratta solo di un click su una app!"

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS