Navigation

Israele: presidente Knesset si dimette e attacca Corte

Il presidente della Knesset Yuli Edelstein si è dimesso KEYSTONE/EPA/HAYOUNG JEON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 marzo 2020 - 11:42
(Keystone-ATS)

Il presidente della Knesset Yuli Edelstein ha annunciato all'assise le sue dimissioni dalla carica che entreranno in vigore entro 48 ore.

Edelstein (Likud) ha attaccato la Corte Suprema che - accettando un ricorso di Blu-Bianco di Benny Gantz - gli aveva ingiunto di convocare la Knesset entro oggi per votare la sua sostituzione.

"La scelta della Corte Suprema - ha detto - colpisce la sovranità della Knesset e quella degli elettori. Non voglio portare il paese ad una guerra civile".

Edelstein, appoggiato dal premier uscente Benyamin Netanyahu, aveva giustificato la sua posizione con le nuove regole sul coronavirus riguardo le riunioni. In realtà - hanno ricordato i media - la resistenza ad un voto era dovuta al fatto il Likud avrebbe perso la carica, visto che lo schieramento di centro sinistra ha la maggioranza di 61 seggi di maggioranza alla Knesset. Tuttavia il fatto che le dimissioni entrino in vigore a distanza di 48 ore, significa - hanno osservato analisti - che anche in questi due giorni non potrà votarsi il nuovo presidente dell'assise.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.