Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Israele ha chiesto al Consiglio d'Europa di revocare la risoluzione che ha adottato contro la circoncisione. Lo ha detto il ministero degli Esteri, secondo il quale il provvedimento "alimenta l'odio e le tendenze razzistiche in Europa".

La circoncisione - ha sottolineato il ministero degli Esteri israeliano - è "un'antica tradizione di due importanti religioni, l'ebraismo e l'Islam, ed è anche comune in alcuni circoli cristiani". Comparare questa tradizione - ha aggiunto - alla "barbarica pratica delle mutilazioni genitali femminili è, al meglio, un'ignoranza abissale o, al peggio, diffamazione e odio antireligioso". Affermare poi - ha osservato il ministero - che la circoncisione "faccia male alla salute e al corpo dei giovani è falso e non in linea con qualsiasi evidenza scientifica. È vero il contrario, invece. Per esempio un rapporto ufficiale pubblicato dall'Accademia Americana di Pediatria nell'agosto del 2012 mostra i benefici della circoncisione alla salute dei maschi neonati".

La risoluzione dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa è un "intollerabile attacco sia alla rispettabile e antica tradizione che risiede alla base della cultura europea sia alla moderna scienza medica e ai suoi risultati".

Una risoluzione - ha concluso il ministero - che "getta una macchia morale su Consiglio d'Europa e alimenta l'odio e le tendenze razzistiche in Europa".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS