Navigation

Israele: Rivlin ringrazia donatore svizzero Abdallah Chatila

Abdallah Chatila allo Yad Vashem KEYSTONE/EPA/ABIR SULTAN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 dicembre 2019 - 17:58
(Keystone-ATS)

Il presidente israeliano Reuven Rivlin ha ricevuto oggi l'uomo d'affari svizzero di origine libanese, Abdallah Chatila che di recente ha comprato ad un'asta cimeli hitleriani (fra cui un cappello del Fuhrer) che sono stati donati a Yad Vashem, il Memoriale della Shoah

L'imprenditore immobiliare ginevrino ha spiegato di aver comprato questi articoli in modo che non fossero usati per scopi di propaganda neonazista. "Quello che ha fatto - ha detto Rivlin a Chatila nella Residenza ufficiale a Gerusalemme - sembra così semplice, ma questo atto di sensibilità mostra al mondo intero come si possa combattere la glorificazione dell'odio e l'istigazione contro un altro popolo".

"Il suo - ha continuato Rivlin - è stato un vero atto umano e ed è per me molto importante dirle che l'abbiamo apprezzato e che per questo la ringraziamo molto". Chatila per il solo cappello di Hitler ha pagato 50mila euro. "Penso - ha risposto l'imprenditore - che sia un messaggio per per il mondo intero: che la parola 'mai più' non è uno slogan senza senso".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.