Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le forze di Israele avanzano questa mattina nella Striscia di Gaza, dove sono entrate ieri sera, puntando a distruggere i tunnel di Hamas usati, secondo Israele, dai combattenti palestinesi per infiltrarsi oltreconfine. Hamas reagisce con una pioggia di razzi sulle città israeliane del sud e minaccia: "Gaza sarà la tomba per i soldati di occupazione".

L'esercito conta il suo primo caduto, ucciso forse da fuoco amico, mentre i morti palestinesi nella notte sono almeno 9, fra i quali un bambino di cinque mesi. Il bilancio delle vittime nella Striscia dall'inizio dell'operazione "Margine protettivo" undici giorni fa sale a 260, mentre i feriti sono 2'000.

Un fotogiornalista palestinese è rimasto ferito questa mattino quando un elicottero ha colpito la Johara Tower, un edificio di Gaza che ospita diverse redazioni.

Il portavoce militare israeliano dichiara che le forze di terra stanno avanzando a Gaza "nelle loro rispettive missioni", incluse "l'identificazione e la repressione della minaccia dei tunnel". Durante la notte sono stati colpiti oltre 100 "siti del terrore", circa 9 tunnel e oltre 20 postazioni di lancio di razzi.

Hamas ha reagito alla penetrazione di forze terrestri con il lancio di decine di razzi verso importanti città nel sud di Israele. In particolare ha preso di mira Beer Sheva, Ashdod e Ashqelon. Le batterie di difesa Iron Dome hanno intercettato in volo i razzi che rischiavano di mietere vittime, mentre hanno ignorato quelli diretti verso zone aperte.

La polizia di Gerusalemme è stata posta in stato di allerta nel timore che disordini possano verificarsi al termine delle preghiere (del venerdì e del Ramadan) nella Spianata delle Moschee. L'accesso è stato limitato ai fedeli musulmani di età superiore ai 50 anni.

Hamas risponde all'attacco anche con la propaganda. Il capo in esilio dell'organizzazione, Khaled Meshal, dichiara che l'offensiva israeliana "è destinata al fallimento". Un portavoce a Gaza, Sami Abu Zuhri, dice che la Striscia "sarà la tomba per i soldati di occupazione" e aggiunge "adesso sarà possibile liberare i nostri prigionieri". Allude chiaramente al proposito di Hamas di rapire combattenti israeliani per scambiarli con i suoi catturati.

Intanto centinaia di manifestanti turchi hanno assalito nella notte il consolato di Israele a Istanbul, provocando un'energica reazione delle forze di sicurezza. I manifestanti, chiamati a raccolta da organizzazioni islamiche per protestare contro l'attacco a Gaza, hanno lanciato pietre, rompendo finestre, poi hanno cercato di invadere il consolato. La polizia, intervenuta in forze, li ha dispersi con lacrimogeni e cannoni ad acqua.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS