Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Istanbul, Papa: vicino popolo turco, basta terrorismo

Papa Francesco bacia il Bambinello

Keystone/EPA/ANGELO CARCONI

(sda-ats)

"Purtroppo, la violenza ha colpito anche in questa notte di auguri e di speranza. Addolorato sono vicino al popolo turco". Lo ha detto oggi il Papa all'Angelus commentando quanto accaduto stanotte a Istanbul.

Il Papa ha poi assicurato il suo sostegno "a tutti gli uomini di buona volontà che si adoperano" contro il terrorismo e contro questa "macchia di sangue" che getta ombre e sconforto.

Dire no a odio e violenza

La pace si costruisce "dicendo 'no', con i fatti, all'odio e alla violenza e 'sì' alla fraternità e alla riconciliazione", ha affermato papa Francesco in questo primo Angelus del 2017, alla presenza di circa 50mila fedeli, ricordando che "cinquanta anni or sono, il beato Papa Paolo VI iniziò a celebrare in questa data la Giornata Mondiale della Pace, per rafforzare l'impegno comune di costruire un mondo pacifico e fraterno".

"Nel Messaggio di quest'anno - ha detto - ho proposto di assumere la nonviolenza come stile per una politica di pace. Esprimo la mia riconoscenza per tante iniziative di preghiera e di impegno per la pace - ha aggiunto Papa Francesco che si svolgono in ogni parte del mondo. Ricordo in particolare la marcia nazionale di ieri sera a Bologna, promossa da Cei, Caritas, Azione Cattolica e Pax Christi. Saluto i partecipanti alla manifestazione 'Pace in tutte le terre', promossa dalla Comunità di Sant'Egidio. Grazie per la vostra presenza e la vostra testimonianza!", ha concluso.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.